Costruire casa, con quale materiale?

costruire casa 1000x300 - Costruire casa, con quale materiale?

Negli ultimi anni i materiali da costruzione hanno conosciuto uno sviluppo che non avevano avuto per secoli. Nuovi materiali sono stati creati e ora scegliere quale utilizzare per la propria casa è diventato sempre più difficile.
Eppure è bene conoscerli perché ognuno di essi ha dei punti di forza e dei punti deboli.
Se, da un lato, la tecnica ha sviluppato sempre nuovi materiali, dall’altro vi è stato un recupero dei materiali tradizionali, magari rivisitati in chiave moderna.
Questa varietà comporta anche non pochi problemi dal punto di vista urbanistico perché sempre più spesso la “creatività” finisce per produrre un ambiente urbano poco coerente dove edifici di materiali diversi sembrano essere stati sparsi alla rinfusa.
Nel passato i borghi avevano una loro identità ben definita; che fosse la pietra o il legno, tutte le case contribuivano a dare ai borghi la loro atmosfera. Quell’atmosfera che, ancora oggi, richiama visitatori e turisti.
Diciamo che vi è stata una “globalizzazione” anche dal punto di vista costruttivo e questo ha contribuito a rendere tutto più disordinato e caotico dal punto di vista dell’aspetto esteriore.
Molto spesso l’amministratore è quindi dovuto intervenire con linee guida affinché l’identità secolare di certi borghi e di certe città fosse preservata.
In alcuni casi, però, si sono anche creati vincoli inutili che sono stato un ostacolo all’uso di tecnologie e materiali che potrebbero essere, anche dal punto di vista energetico, molto più performanti rispetto a quelli del passato.
Come spesso accade bisogna trovare il giusto punto di equilibrio per mantenere la coerenza urbanistica senza per questo rinunciare all’innovazione tecnologica.
Tornando ai materiali eccone alcuni tra quelli di nuova generazione e quelli secolari ma rivisti in chiave moderna.

Calcestruzzo cellulare

Il calcestruzzo cellulare è uno dei materiali da costruzione più interessanti perché oltre ad essere ottimo dal punto di vista dell’isolamento termo-acustico è molto più leggero rispetto ai tradizionali laterizi e i blocchi perfettamente squadrati, o addirittura ad incastro, permettono di utilizzare una quantità di legante davvero minima.
Il cantiere rimane molto più pulito e anche il rivestimento per gli intonaci è molto più contenuto.
Si può quasi dire che il calcestruzzo cellulare sia un materiale da costruzione adatto quasi al “fai da te”, e in parte lo è.
I tempi di realizzazione di una casa con questo tipo di blocchi si riduce notevolmente.

I blocchi tipo Lego

Fa sorridere pensare ad una casa costruita con i Lego ma immaginate i mitici mattoncini in dimensione gigante.
Ebbene, c’è chi li ha realizzati e questo sistema modulare consente di costruire una casa esattamente come si farebbe con le costruzioni dei Lego.

costruire casa tecnica modulare 300x225 - Costruire casa, con quale materiale?
Ovviamente la struttura viene irrobustita da tondini di acciaio che collegano tutti i mattoni tra loro rendendo la struttura perfettamente antisismica.
Questi blocchi inizialmente erano di materiale plastico con tutte le conseguenze del caso: pareti assolutamente non traspiranti e create con un derivato del petrolio.
Oggi però si è pensato di creare blocchi simili ai Lego utilizzando anche il legno.

Il vantaggio di questo tipo di materiale è la modularità e il fatto che ogni blocco è creato in maniera tale da fare scorrere al suo interno tutti gli impianti senza dover effettuare spacchi successivi.
A fronte di questi materiali moderni vi è stato il recupero dei materiali del passato abbinati a tecniche costruttive moderne, come ad esempio la paglia, la terra cruda, ed altri materiali che ci riportano a tradizioni costruttive pre-industriali.
Il recupero di questi materiali, se fatto nel rispetto delle normative vigenti, non è solamente un ritorno ad un passato un po’ idealizzato e in cui vi era un più stretto legame con la natura.
Certi materiali da costruzione, ancorché poveri, si sono rivelati, anche secondo gli studi moderni, avere delle ottime caratteristiche dal punto di vista antisismico e dell’isolamento termo-acustico.
Per rispondere alla domanda del titolo di questo articolo possiamo quindi dire che non vi è il materiale “perfetto”, ogni materiale presenta dei pro e dei contro.
Bisogna altresì capire che se, per secoli, non si sono utilizzati determinati materiali in certe zone forse vi era una ragione di fondo che non dipendeva solo dalla necessità di utilizzare i materiali che si trovavano facilmente in loco.
Per fare un esempio estremo, una yurta, la caratteristica abitazione delle steppe della Mongolia, ha caratteristiche eccellenti per il clima di quella regione, essenzialmente freddo ma secco.
In ambienti come i nostri, più temperati ed umidi, tali caratteristiche verrebbero meno o si potrebbero addirittura trasformare in svantaggi.

Costruire casa, con quale materiale?