Pompa per fogna

pompa per fogna 1000x300 - Pompa per fogna

La pompa per la fogna, così come le classiche pompe, ha un funzionamento molto semplice. La pompa non è altro che un macchinario idraulico che sfrutta degli organi meccanici in movimento che gli permettono di poter sollevare o spostare, del materiale o comunque del liquido.

Ovviamente il funzionamento della pompa da fogna rispetto a quella classica è diverso.
Nella pompa per fogna troviamo infatti un meccanismo chiamato trituratore, quest’ultimo permette di tritare tutto il liquido “denso” che deve spostare la pompa.

In questo caso il funzionamento è elettrico e la pompa a fogna ha diciamo due funzionamenti. La parte idraulica dove si vanno a spostare dei liquidi senza necessità di elettricità, o comunque di un motore.
Poi abbiamo la parte dedicata alle acque nere, in questo caso il funzionamento è elettrico poichè la pompa viene azionata da un motorino.
Quando andiamo ad installare una pompa per le acque nere non dovremmo comprare una pompa senza conoscere prima delle caratteristiche tecniche. A seconda infatti del tipo di installazione che andiamo ad effettuare dobbiamo scegliere una pompa che sia alla portata del lavoro che andiamo a fare, e questo è da tenerne conto.
Soprattutto se andiamo a comprare delle pompe per uso casalingo, e quindi non industriale, dobbiamo stare attenti a comprare delle pompe che funzionino a 12V. Altrimenti ogni volta che partono potrebbe saltare il contatore dell’elettricità.
La caratteristica più importante per una pompa, e soprattutto per quelle ad acque nere, è la portata. La portata è un dato molto importante da tenere in considerazione. In base a questo infatti siamo in grado di capire di quanto sia in grado di trasportare la pompa il liquido in uscita in un tempo espresso dalla casa.
Il tempo viene espresso dalle case produttrici sono in m3/s.
Maggiore sarà la portata del prodotto per il sollevamento delle acque, maggiore sarà la potenza trituratrice e di conseguenza aumenterà anche il consumo di corrente.
Un’altra caratteristica alla quale bisogna tenere occhio è la velocità di pompaggio delle acque reflue. Anche questa è una caratteristica molto importante e sarà meglio valutarla attentamente prima di effettuare un acquisto avventato.
Questo valora indicherebbe il volume della sostanza che viene spostata in relazione del parametro tempo.
Di solito la velocità di pompaggio dipende molto dalla potenza del motorino elettrico e di solito è proporzionale alla portata.

Questo significa che maggiore sarà la portata della pompa e maggiore sarà anche la velocità di pompaggio del motorino e quindi del trituratore.
Nel caso andassimo ad installare una pompa dell’acqua in dislivello (e capita spesso dato che sono installate in basso) bisogna tenere conto della prevalenza. Con questo termine si esprime il dislivello massimo in cui la pompa è ancora in grado di lavorare.
In giro in vendita ci sono davvero moltissimi tipi, ma come scegliere la pompa sommersa più idonea?
Analizzando quello che offre il mercato italiano, una tra quelle più famose risulta essere la pompa multigirante

Divertron, ideale per l’uso casalingo. E’ in grado di funzionare sino ad un immersione di 12 metri, ha una portata massima di 5,4m3/h e una prevalenza fino a 46mt.
Coloro i quali hanno bisogno di una pompa sommersa per acque nere per un uso più importante, potranno invece orientarsi verso la Elettropompa sommersa Pulsar Dab 50/50. Questo modello infatti, oltre ad essere estremamente resistente all’usura, è in grado di lavorare anche con temperature vicino lo 0. Ovviamente ha un consumo maggiore rispetto alla Divertron e prima di lamentarvi a causa di bollette elettriche troppo salate, converrà analizzare attentamente i consumi.

Pompa per fogna